La nuova vetrina per il biologico sul portale Piemonte Agri Qualità

a cura di Stefania Convertini - Direzione Agricoltura e cibo Regione Piemonte

 

Il portale Piemonte Agri Qualità, consolidato strumento informativo e promozionale promosso dalla Direzione regionale Agricoltura, con l’obiettivo di valorizzare i prodotti e le risorse agricole, il paesaggio, l’ambiente e gli aspetti culturali del territorio, si arricchisce ora di una nuova sezione per dare spazio e visibilità ai produttori biologici.

Una iniziativa che risponde alla diffusa esigenza da parte del consumatore, sempre più interessato ai prodotti bio, di individuare i produttori agricoli che possono rispondere alle sue aspettative, e offre alle aziende una vetrina istituzionale importante per la propria attività, sia nei confronti del pubblico che degli operatori commerciali.

Così la Direzione Agricoltura, nella sua attività di sviluppo di una agricoltura sempre più sostenibile, ha ritenuto importante realizzare una più ampia azione promozionale della ricchezza della produzione biologica regionale.

Come trovare le aziende bio

La nuova sezione si raggiunge dalla Home, selezionando “Sistemi di qualità” e l’icona relativa al “Bio”. E’ poi possibile cercare le aziende utilizzando le opzioni disponibili: nome, Provincia, Comune, tipologia di certificazione vegetale o zootecnica, orientamento. Le aziende bio sono identificate con il simbolo della “fogliolina verde” e si possono visualizzare alcune informazioni minime, già pubblicate e sempre aggiornate, presenti in Anagrafe Agricola e in Abio.

Le aziende presenti nella sezione sono circa 2500 e sono quelle che hanno richiesto la certificazione biologica come produttori (che possono essere anche preparatori e/o importatori) e che hanno ottenuto l’idoneità in seguito ai controlli effettuati dagli Organismi di controllo.

Il ruolo dei produttori bio

Il produttore può però scegliere ora, con la nuova piattaforma, di promuovere la propria attività e le proprie produzioni aggiungendo autonomamente ulteriori dati riguardanti:

  • la presentazione e descrizione delle caratteristiche aziendali;
  • i canali di vendita e le ulteriori informazioni per contattare l’azienda;
  • le tipologie di produzioni vegetali coltivate e/o specie degli animali e dei capi allevati;
  • le tipologie di produzioni trasformate;
  • il dettaglio su altre produzioni certificate e tradizionali aziendali.

Scegliendo di integrare le proprie informazioni il produttore verrà identificato con il simbolo del produttore agricolo del Portale Piemonte Agri Qualità associato alla propria azienda.
Per poter integrare le informazioni il produttore può accedere dal portale web Piemonte Agri Qualità, cercando la scheda della propria azienda nella sezione “Sistemi di Qualità”, “Biologico”, cliccando sulla voce “Trova l’azienda biologica che ti interessa” e procedendo come segnalato attraverso l’utilizzo di Sistemapiemonte. Le informazioni potranno essere aggiornate dal produttore in qualsiasi momento.

 

pag 39
Schema della navigazione

 

Il sistema biologico

L'agricoltura biologica è un metodo di coltivazione che ha come obiettivo il rispetto dell'ambiente e degli equilibri naturali, della salute dell'operatore e del consumatore. Si utilizzano infatti metodi di coltivazione e di allevamento con l’impiego di sostanze naturali, senza l’utilizzo di sostanze di sintesi chimica (concimi, diserbanti, insetticidi), senza sfruttare eccessivamente le risorse naturali, in un modello di sviluppo che duri nel tempo e con una maggiore sicurezza per la salute.

Per difendere le colture si agisce in modo preventivo, individuando le specie più resistenti alle malattie e prevedendo tecniche agricole, tenendo conto dell’adattamento dei sistemi di produzione alle condizioni locali, ad esempio: rotazione delle colture, consociazione, fertilizzazione con concimi naturali come il letame e altre sostanze organiche compostate.

Per quanto riguarda l’allevamento biologico, l’obiettivo è la produzione di altà qualità e non la massimizzazione della resa. Gli animali devono essere alimentati con prodotti vegetali ottenuti da produzione biologica, coltivati all’interno della stessa azienda o nel comprensorio. Inoltre, agli animali vengono garantite condizioni adeguate alle loro esigenze.
L'azienda che vuole certificare le attività di produzione, preparazione, commercializzazione e importazione dei prodotti agricoli biologici deve essere sottoposta al sistema di controllo previsto dalla normativa. La certificazione dei prodotti viene effettuata dall'Organismo di Controllo tramite il documento "giustificativo".

Il portale PiemonteAgri

Il portale Piemonte Agri Qualità nasce come uno strumento informativo e promozionale per le produzioni agroalimentari certificate (DOP/IGP, DOC/DOCG, BIOLOGICO, i sistemi di qualità nazionali Zootecnia e Produzione Integrata, le bevande spiritose e i vini aromatizzati). Nel tempo, si arricchisce di altre sezioni relative ai prodotti tradizionali (PAT), ai territori che esprimono le eccellenze piemontesi e alle ricette storiche tradizionali.
Vi è altresì un’interessante sezione che presenta progetti ed attività relativi alle politiche di valorizzazione dell’Assessorato Agricoltura e Cibo dove si possono trovare, tra l’altro, l’elenco delle Fattorie Didattiche riconosciute.

Le sezioni del portale sono collegate tra loro e la navigazione può avvenire in modo del tutto personalizzato. Il portale, che ora implementa la nuova sezione delle aziende bio, è destinato in futuro ad evolversi per includere anche sezioni relative alle “fattorie sociali” e ai “presidi agricoli di prossimità” così da mettere a disposizione informazioni relative alle aziende agricole piemontesi che offrono, sul territorio, cibo e servizi di qualità nel rispetto della natura e delle tradizioni locali.

Questo approccio si può configurare come un’applicazione della tecnologia informatica detta “block-chain”, in quanto i dati vengono automaticamente prelevati dagli archivi dell’anagrafe agricola della Regione Piemonte senza alcuna possibilità di essere manipolati o modificati. Tali dati vengono costantemente aggiornati dagli agricoltori e validati dai controlli tecnici ed amministrativi relativi all’applicazione della politica agricola comunitaria (PAC) e del programma di sviluppo rurale (PSR).